MESSAGGIO DELL’EQUINOZIO DI AUTUNNO 2016

Care amiche ed amici, 

ricominciamo dopo l'estate a sentirci, con un nuovo straordinario messaggio dell'Arcangelo Uriel, come sempre canalizzato da Annamaria Bona.

Il mondo spirituale è all'opera per aiutarci nella nostra trasformazione, per farci capire i pericoli, per donarci nuovi STRUMENTI DI LUCE, come quelli contenuti nel libro di Annamaria (Cerchi nel grano: medicina per l'anima – Edizioni Melchisedek).

Messaggi come questo, e i tanti che l'Arcangelo ci ha dato in questi anni, non sono da leggere di fretta ma da approfondire, da far entrare nel nostro Sé Superiore, per risvegliare anche in noi le assopite conoscenze, che ci portano a guarire da tutti i mali del fisico e della psiche.

Per ricevere i nostri messaggi, gli insegnamenti spirituali, per conoscere i nostri incontri, conferenze, seminari, iscrivetevi al sito 

www.gianmarcobragadin.it, e riceverete tutte le nostre news.

Per Annamaria www.omsairam.eu.

Grazie. Ecco il Messaggio.

MESSAGGIO DELL’EQUINOZIO

DI AUTUNNO 2016

Amati, non pensiate che Dio vi abbandoni mai. Niente si muove senza l’energia Divina e ogni evento, sul vostro pianeta e nell’universo, ha una sua logica; non facile da capire nel suo complesso reticolo, ma importante è sapere che niente accade a caso.

Le persone si incontrano, intrecciano legami per via del richiamo karmico, e tutte le situazioni si dipanano per essere risolte a tal fine.

Sono concetti affrontati ripetutamente ma ogni tanto è bene ricordarlo poiché quando accadono situazioni difficili lo dimenticate e sognate di risolverle il più presto possibile senza indagare sulle motivazioni che le hanno scatenate.

L’uomo di Dio ha compreso che nel Sé superiore ci sono tutti gli strumenti di crescita per affrontare ogni difficoltà, sentendosi Uno con il Tutto. Serve però creare un Campo di Consapevolezza  stabile, per ottenere risultati concreti.

Il cambiamento che sta affrontando da tempo la Terra favorisce questo stato di unità, e molte creature sentono il dissolvimento della sensazione di separazione. Occorre  lavorare ancora sui piani sottili perché giunga concretamente a manifestazione, affinché la psiche venga ricondotta al Principio di Unità.

La psiche infatti è un’illusione dovuta alla separazione, alla dualità, che si presenta sotto le sembianze di un mondo “esterno”a voi. Per dissolvere questa illusione di dualità necessita capire che “interno” e “esterno” sono una cosa sola e solo l’Amore può compiere il miracolo di tale comprensione.

Ma quanto è difficile vedere il nemico come interno a voi? Tutto incita a pensare che esso vada combattuto e, fino a che non comprenderete l’importante ruolo della divinità in voi, è quasi impossibile accettarlo.

Ognuno si identifica in qualcosa attingendo a ciò che in passato fu definito da G. Jung “inconscio collettivo”. L’ego, attraverso il percorso iniziatico, può arrivare a capire che, se nel vostro Piano terreno esistono conflitti, violenza, prevaricazioni, non è  causato dalla cattiveria altrui, ma perché in ognuno esiste una parte inconscia cha ha quelle caratteristiche.

Ricongiungersi alla Metà mancante ha analogia con la “cerca del Graal” dove il tentativo è di riunirsi alla metà perduta, per aspirare a tornare all’Uno. La ricerca sublimata conduce a comprendere che “l’io e il mondo esterno” sono una cosa sola e solo l’Amore consente di riunire i due Principi Cosmici della Creazione, il femminile con il maschile, il magnetismo con l’elettrico per riportarlo all’Androginia perfetta.

I miti antichi rappresentavano, nella ritualità simbolica, una via iniziatica che specchiasse in Terra le verità celesti, per far giungere nella manifestazione i desideri umani.  I Misteri che si consolidavano nel Tempio di Iside, nell’antico Egitto, ad esempio, simboleggiavano proprio l’unione sacra che, attraverso l’Amore,  permetteva di ricomporre i pezzi smembrati dello sposo-fratello, Osiride, per dar vita a Horus, il Principio Divino realizzato, l’Uno.

Il peccato originale rappresenta proprio l’ingresso nella dualità. Le Nozze Sacre alchenicamente riuniscono il Due in Uno e riportano al Piano originario.

Questo breve ripasso serve a farvi comprendere che non vi sono nemici da combattere ma demoni che emergono quando non si riconoscono le proprie proiezioni. Tutti i conflitti nascono da questa inconsapevolezza.

Maestri in tutti i tempi hanno cercato di far comprendere queste eterne verità ma l’uomo dimentica e sembra non gli appartenga il senso di unità.

Ora è tempo di recuperare la vostra vera identità Divina per riportare Horus in voi, il Cristo che sboccia nel vostro cuore Uno.

E ora amati, guardate alle guerre, ai conflitti esterni a voi, come esaminereste voi stessi. Vedrete che le vostre ombre possono essere dissolte, così come le ostilità fuori di voi, perché Tutto è Uno.

Portate questa consapevolezza nell’Azione e comandate al vostro Io Sono che sia Dio ad agire in voi, in ogni situazione della vostra vita.

La Pace sia con voi. Vi benedice nel Divino Amore

L’Arcangelo Uriel

Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook https://www.facebook.com/Bragadin-Gian-Marco-351338115047310


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.